lunedì 3 maggio 2010

Siamo in possesso di un iPad 3G: micro-SIM, operatori esteri e prime impressioni

Dopo una breve attesa di 1 giorno lavorativo dal lancio negli Stati Uniti (UPS Express ha fatto un ottimo lavoro nel portare il pacco dagli USA alla Svizzera in 58 ore, week-end incluso), sono entrato in possesso di un fantastico iPad 3G da 16 GB.

Prima impressione? Gli aggettivi che ha usato Steve Jobs durante la keynote non erano esagerati. Per chi non li ricordasse, eccoli, tutti condensati in un divertente video:



Ma di questo parlerò più avanti. Cominciamo dall'hardware: questo è un iPad 3G. Non quello WiFi. Se seguite un po' i vari siti informatici, ne avrete lette di tutti i colori. C'era addirittura chi speculava che le SIM di operatori esteri non sarebbero funzionate, visto che l'iPad viene fornito con un "cellular activation wizard" della AT&T che permette di abbonarsi online all'operatore americano. Bene, oggi possiamo sfatare tutti questi miti: l'iPad 3G, anche se importato, funziona perfettamente con le SIM di altri operatori. Ma c'è un piccolo "ma": si deve fare in casa la propria micro-SIM.

Sì, l'iPad usa uno standard diverso rispetto a quello dei comuni cellulari. Usa una SIM più piccola. A livello elettrico, però, i contatti sono compatibili: basta quindi ritagliare con cura una SIM tradizionale, rendendola micro-SIM. Disclaimer: questo bricolage non è per tutti, e sbagliando di 1 mm si renderà inutilizzabile la propria SIM, dovendone possibilmente acquistare una nuova. Io l'ho fatto, e ho avuto successo. Da notare che ho anche dovuto tagliare una parte dei contatti, quindi non solo la plastica, per allineare la SIM. Come guida ho usato la SIM della AT&T fornita nella confezione.

Una volta inserita la SIM, è bastato inserire il punto d'accesso "APN" del mio operatore nelle impostazioni, e l'iPad si è automaticamente connesso alla rete Swisscom 3G. La velocità raggiunta è discreta (circa 2.5 Mbit/s in download all'interno di un edificio), e anche siti grossi si aprono molto in fretta.

Ed ecco a voi la foto gallery dell'unboxing e del ritaglio della SIM:

From iPad 3G unboxing and Micro-SIM

Ma allora, come funziona? A prima vista in effetti l'iPad può apparire come un iPhone gigante. Tecnologicamente in effetti non è tanto lontano. Quello che cambia è l'utilizzo effettivo che se ne può fare.

Come ho già detto nella mia prima recensione, l'iPad sicuramente non è un gadget che serve a tutti. Ad alcune persone potrà sembrare incredibilmente inutile. Io personalmente dopo poche ore ho potuto confermare la mia ipotesi iniziale, ossia che l'iPad possa essere usato in modo ottimale per i seguenti scopi:
  • computer da divano: spesso capita di voler consultare velocemente un sito Internet mentre ci si trova in salotto, o comunque senza un computer a portata di mano. L'iPhone magari è troppo piccolino per lo specifico sito che si desidera visitare. Ed ecco che l'iPad ci dà questo lusso aggiuntivo di navigare in Internet senza neanche doverci alzare, e senza dover tenere uno scomodo MacBook sul divano, troppo ingombrante. Un iPad sta comodamente sul tavolino del salotto senza dar fastidio. E dopo aver scritto questo paragrafo, mi rendo conto che l'iPad contribuirà all'aumento dell'obesità generale della popolazione.
  • movie player da viaggio: viaggiate mai in treno o in aereo? Magari guardate qualche film per passare il tempo? Un notebook pesa troppo per potarselo dietro unicamente per questo scopo. L'iPad è un ottimo media player, con un'autonomia molto rispettabile (circa 10 ore).
  • troubleshooting remoto: se come me avete l'esigenza di gestire un'infrastruttura informatica da remoto, ci sono le applicazioni ideali per farlo. Tra desktop remoto (VNC e RDP), connessioni terminale (SSH), ecc, non è più necessario portarsi dietro un notebook, anche se si è di picchetto.
  • gaming console: anche se non sono un "gamer", devo ammettere che l'iPad lascia in ombra le varie console portatili. Con il suo grande schermo di ottima qualità, e il controller video di cui dispone, prevedo che nasceranno giochi notevoli (e già ce ne sono).
E io cosa ne ho fatto finora? Ecco le app che ho scaricato e installato nelle prime ore di utilizzo. Magari potrebbero fungere da spunto a qualcuno di voi:
  • PCalc: calcolatrice scientifica
  • GoodReader: lettore per grossi file PDF e TXT
  • SoundHound: riconoscimento di musica (un po' come Shazam)
  • Twitterrific: client Twitter
  • IM+: sistema di messaggistica (MSN, Google Talk, ecc)
  • NewsRack: lettore di news RSS
  • Wikipanion: lettore di Wikipedia
  • WolframAlpha: enciclopedia scientifica e calcolatrice programmabile
  • 1Password: sistema di gestione e sincronizzazione password
  • AirVideo: sistema di streaming video dal Mac all'iPad/iPhone
  • iSSH: programma di accesso terminale SSH (solo per tecnici)
  • iTap RDP: client desktop remoto per server e PC Windows (solo per tecnici)
  • iTap VNC: client desktop remoto VNC per PC e Mac (solo per tecnici)
  • Angry Birds HD: bellissimo gioco che rende dipendenti. Da provare!
  • Pinball HD: un flipper. Sembra banale, ma è molto ben fatto.
Inoltre, ho installato anche le seguenti applicazioni iPhone, non ancora adattate ad iPad, ma comunque indispensabili per me:
  • Dropbox: scambio di file da/per iPhone/iPad/Mac/PC
  • Speed Test: programma di misurazione velocità della rete
  • Softphone: programma di telefonia VoIP (standard SIP)
  • Boxcar: sistema di ricezione notifiche Push (p.es. da Twitter o Facebook)
Mi mancano ancora le app di Apple iWork (Pages, Numbers e Keynote), non ancora disponibili sull'app store svizzero. Non ho voluto sprecare preziosi $30 del mio account iTunes statunitense, visto che tra poco più di 3 settimane queste app saranno disponibili anche dalle nostre parti.
    E quindi, com'è da usare? La prima impressione è di estrema velocità e reattività. L'interfaccia utente risulterà già nota e di facile utilizzo per chi è già possessore di un iPhone o iPod Touch, ma con molte potenzialità in più, vista la grandezza dello schermo.
    Il browser, Safari, riproduce ora i video anche all'interno della pagina, lasciando all'utente la scelta se volerli visualizzare a schermo pieno o meno.
    Il programma di posta è molto ben fatto, e suddiviso in colonne (se usato in modalità orizzontale).
    Il calendario somiglia molto a quello del Mac, con vista mensile, settimanale e giornaliera, tutte molto complete.
    La tastiera è molto ben utilizzabile. Ero scettico, visto che il touch screen dell'iPhone "attira" molti errori di battitura, ma l'iPad, grazie alla grandezza dei tasti, soffre meno di questo problema. Stimo che perdo solo circa un 20% di velocità di battitura rispetto alla tastiera tradizionale, ma dovrò effettuare qualche test più scientifico.
    Tutte le applicazioni ruotano se si ruota l'iPad, anche lo springboard (la pagina iniziale). C'è uno switch di "blocco rotazione" che mantiene l'iPad nel suo orientamento attuale.

    Insomma, in quel di Cupertino hanno fatto davvero un ottimo lavoro.

    Cosa manca? Una custodia! Già, aspetterò pazientemente che qualcuno metta in commercio anche qui da noi delle custodie per iPad. Portarlo in giro così, nudo, mi sembra un po' pericoloso. Basta un attimo, e il danno è fatto.

    Verdetto? Ottimo. Se siete ancora in dubbio, passate in un Apple Store dopo il 31 maggio, e toccatelo con le vostre mani: rimarrete sbalorditi. Il prezzo in Europa? Ancora sconosciuto, si può solo speculare: probabilmente circa CHF 650.- per il 16 GB WiFi, e 150.- in più per il modello 3G. Un po' come un buon Netbook, con la differenza che l'iPad è decisamente più portatile. E se vi piace il concetto dell'App Store e l'interfaccia iPhone, l'iPad fa per voi.

    Aggiornamento del 04.05.2010
    • Swisscom ha le Micro-SIM disponibili in alcuni shop. A Lugano sicuramente ci sono. Grazie a Gabriel per l'informazione
    • l'app Dropbox è ora anche disponibile in formato nativo iPad

      3 commenti:

      1. Ok, ma ci posso giocare a winterbells?

        RispondiElimina
      2. Non mi pare esista l'applicazione "winterbells", ma basterebbe che un developer si metta di buona voglia e lo crei ;-)

        RispondiElimina
      3. L'unica cosa che riesce a bene ad apple è a far sparire soldi lasciandoti tra le mani un'oggetto chiuso, inutile, inguardabile. Brava apple. W i fanboy

        RispondiElimina